L’esposizione al sole dopo il trattamento con laser diodo

By 27 Novembre 2019 Salute e Bellezza
8. L’esposizione al sole dopo il trattamento con laser diodo

Arriva l’estate e viene voglia sottoporsi a un trattamento di depilazione definitiva con laser diodo per eliminare i fastidiosi peli superflui. Ma bisogna fare molta attenzione! Laser diodo e tintarella infatti non vanno per niente d’accordo!

L’epilazione a laser diodo funziona inviando alla pelle un fascio di luce che agisce sulla melanina del bulbo pilifero in modo tale che, nel giro di 8-10 sedute, nella zona trattata non compariranno più peli. Ci sono però alcune considerazioni da fare e alcune precauzioni da prendere. Innanzitutto il laser diodo va fatto con attenzione sulle pelli pigmentate ed è per questo che non si può fare il trattamento sulla pelle se non sono trascorse almeno due settimane dalla tintarella. Una delle limitazioni all’uso del laser infatti è proprio l’esposizione ai raggi del sole. E’ assolutamente sconsigliato iniziare le sedute al laser nel periodo estivo, il momento ideale invece è il mese di ottobre o novembre, quando ormai la pelle si è ripresa dall’esposizione al sole, la tintarella è andata via e non c’è il rischio di esporsi troppo ai raggi solari.

Queste regole sono dettate dal buon senso dell’operatore. Qualunque professionista di estetica e depilazione infatti vi spiegherà che per evitare irritazioni, arrossamenti, macchie solari, iperpigmentazione della pelle, è fondamentale essere scrupolosi. Mai prendere iniziative proprie e seguire sempre i consigli del centro estetico che saprà darvi le giuste indicazioni.

In generale, non ci si espone al sole dopo il laser e non si fanno le lampade, perchè sono altrettanto rischiose. Dopo la seduta è bene applicare un prodotto lenitivo anche a casa. Se si effettua la depilazione in una zona molto esposta, come il viso, anche se è inverno è sempre prudente applicare una protezione solare a schermo totale, evitare le ore più calde per uscire e proteggere la pelle con prodotti lenitivi. Se invece si effettua il trattamento in primavera inoltrata, è bene applicare sempre la protezione totale e aspettare almeno venti giorni, o meglio un mese, prima di esporsi al sole per la tintarella. Quando poi ci si espone al sole, bisognerà farlo sempre utilizzando una protezione solare molto alta (meglio se totale). Se poi notate che avete ancora bisogno di qualche seduta per completare del tutto l’epilazione, l’unica cosa da fare è sospendere nei mesi estivi e riprendere in autunno. In questo intervallo di tempo l’unico metodo di depilazione consentito è il rasoio: qualsiasi altro medoto (ceretta, silk-epil, crema depilatoria) è rischioso e potrebbe anche vanificare il lavoro del laser.